Segna col dito la strada che vuoi

Tag

, , , , ,

Quando leggo ai bambini l’esercizio cui mi sottopongo più spesso, e uno dei più divertenti, è quello di osservare il loro approccio manuale. Come un bambino manipola e tocca un libro è molto diverso da età ad età. I bimbi dai tre anni in su hanno, per esempio, la meravigliosa abitudine di interrompere la lettura per prendere l’albo illustrato aprirlo per bene, stendere le pagine e accarezzarle, come stirandole, per poi affondare lo sguardo tra le illustrazioni per coglierle pienamente, per leggerne tutto il senso, senza perdere alcun cenno, senza smarrire alcuna traccia, per accarezzarne ogni dettaglio. I bimbi più piccoli no, loro non indugiano, loro afferrano e puntano il dito, indicano, segnano strade immaginarie, seguono percorsi fantastici con l’indice, come a voler toccare, quasi afferrare, ciò che leggono; come a voler far parte della storia in maniera attiva dandole una via, delle direzioni, puntando su ciò che è importate e tralasciando ciò che lo è di meno (e importante può rivelarsi un pallino, una foglia, un insettino… ai piccoli interessa il microscopico, tutto in proporzione).

Seguimi piano, andiamo lontano, Martine Perrin - 2013, Franco Cosimo Panini

Seguimi piano, andiamo lontano, Martine Perrin – 2013, Franco Cosimo Panini

Ai palmi di manine ben stese che mettono in ordine, chiamano il silenzio, sognano, fanno vece indici in movimento che dappertutto vanno, ovunque portano.

Ecco perché sono stata attratta da tre titoli, ed ecco perché ho deciso di considerarli assieme. Il primo è Seguimi piano, andiamo lontano, di Martine Perrin, edito da Franco Cosimo Panini. Si tratta di un cartonato interattivo grazie al quale il bambino (dall’anno e mezzo in poi) può leggere le illustrazioni e giocare con esse proprio assecondando quell’attitudine di cui dicevo sopra. Seguire col dito le curve della casa della chiocciola, occhio al riccio! Attenzione a non toccarlo, punge!, segui la stradina e arriva fino alla casetta e così via. Ci sono gatti da coccolare, orsetti da accarezzare, coniglietti coi quali salire, instancabilmente le scale. E poi ricominciare. Un libro per chi legge con la punta delle dita, è ben evidenziato in copertina, e mi trova perfettamente d’accordo.

Segui il palloncino, Olivier Latyk - 2013, Lapis

Segui il palloncino, Olivier Latyk – 2013, Lapis

Gli altri due libri sono parte di una serie edita da Lapis di Olivier Latyk: Segui il palloncino e Segui il pesciolino. Anch’essi quadrati (sebbene più piccoli rispetto al primo) e cartonati ma con un elemento in più: una fustellatura tonda in cui, indovinate? infilare il ditino e voltar pagina alla ricerca di un palloncino rosso sfuggito alla manina del suo proprietario. In ogni pagina suoni onomatopeici, colori, versi, direzioni. Tutte indicazioni che il bambino lettore assorbe per gioco e richiama in causa ogni volta che vorrà ricominciare a seguire il palloncino da quando volava sul bucato candido, o se ne andava a spasso con il camion dei pompieri (Nino nino!). E così accade anche con il pesciolino. Il testo è in rima e aiuta il susseguirsi ritmico degli eventi: il pesciolino rosso lascia il suo acquario e finisce nello scarico… c’è da seguire con il dito il suo percorso nel labirinto dei tubi dell’acqua fino a un torrente e poi… E poi dove le dita del bimbo vorranno condurlo.

Segui il pesciolino, Olivier Latyk - 2013, Lapis

Segui il pesciolino, Olivier Latyk – 2013, Lapis

seguimi piano copTitolo: Seguimi piano, andiamo lontano
Autore: Martine Perrin
Editore: Franco Cosimo Panini
Dati: 2013, 36 pp., 12,00 €
Acquistalo su Amazon.it

 

 

segui il palloncino copTitolo: Segui il palloncino
Autore: Olivier Latyk
Editore: Lapis
Dati: 2013, 22 pp., 8,50 €
Acquistalo su Amazon.it

 

 

segui il pesciolinocopTitolo: Segui il pesciolino
Autore: Olivier Latyk
Editore: Lapis
Dati: 2013, 22 pp., 8,50 €
Acquistalo su Amazon.it

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 605 follower